• Uncategorized

    Il Grido: intervista a Luciano Funetta

    E’ appena uscito in libreria “Il Grido” di Luciano Funetta primo romanzo della collana “Altrove”  diretta da Michele Vaccari per Chiarelettere. Una collana di libri con il preciso intento di immaginare un futuro prossimo, senza però rinchiuderlo in un genere specifico.

    Ne “Il grido” seguiamo la vita di Lena Morse, una semplice impiegata in una ditta di pulizie, che racconta la sua vita in un futuro sempre più al collasso, dove perfino i mezzi pubblici hanno smesso di funzionare e l’incertezza del futuro la spinge a cercare risposte.

    Ne abbiamo parlato con Luciano Funetta in questa intervista per Ciao Radio:

    (Intervista audio a Luciano Funetta sul libro “Il Grido”/Chiarelettere)

    Il libro

    Lena Morse è impiegata in una ditta di pulizie. Giorno e notte percorre la grande città in cui il trasporto pubblico ha smesso di funzionare da anni, i defunti vengono seppelliti su internet, la segregazione sociale ha raggiunto conseguenze estreme. Cresciuta senza l’affetto di una famiglia, Lena diventa donna in un microcosmo di alienati, ultimi reduci del lavoro manuale, bambini fantasma, individui sadici e apparizioni che popolano le sue giornate al limite della sopravvivenza.
    Uno strano amore, l’inquietudine dell’esistenza, la speranza di un futuro spingono Lena a cercare risposte non più su chi è stata ma su chi diventerà, mentre il mistero di un richiamo bestiale, e da sempre innominato, sembra perseguitarla, forse per ucciderla, forse per rivelarle chi è.

    L’autore

    Luciano Funetta

    Luciano Funetta ha vissuto a Bologna e attualmente vive a Roma. Lavora in una libreria. Fa parte del collettivo di scrittori TerraNullius. Ha pubblicato racconti su “Watt”, “Granta Italia”, “Costola” e altre riviste. Il suo romanzo d’esordio, “Dalle rovine”(Tunué), finalista al premio Strega 2016, è stato salutato dalla critica come un evento letterario.