• Radio

    Jonas e il mondo nero: intervista a Francesco Carofiglio

    E’ da poco in libreria “Jonas e il mondo nero” (Il Battello a Vapore) dello scrittore Francesco Carofiglio.

    Scrivere questa storia, ha raccontato l’autore in questa intervista, “è stato un modo per tornare nella stanza dei giochi dell’infanzia”.

    Jonas è un ragazzino atipico, ha 12 anni ed è considerato strano perché vede cose e persone che altri non vedono. Lo psichiatra da cui lo portano i genitori crede si tratti dell’amico immaginario che molti bambini hanno ma lui, innanzitutto, non si ritiene più un bambino e, soprattutto, le persone che vede non sono suoi amici.

  • Articoli,  Radio

    Saigon, Illinois: intervista a Paul Hoover

    Pensavamo di aver già esplorato in tutto e per tutto l’esperienza del Vietnam attraverso documentazione, letteratura, giornali. Eppure c’è una realtà ancora da sondare a fondo e di cui si è volentieri taciuto, non per censura, si intenda, ma perché lontana dall’immagine consueta che voleva i giovani americani entusiasti di buttarsi in una guerra devastante come quella, appunto, del Vietnam.

    Invece, ci sono stati ragazzi che avevano il solo desiderio di vivere una vita normale, proprio come Jim Holder il giovane protagonista di “Saigon, illinois” (Carbonio Editore) di Paul Hoover. Il ragazzo è appena uscito dall’Università e scegliere la strada dell’obiettore di coscienza, non avrebbe mai immaginato, però, che anche restando a casa avrebbe vissuto un suo personale Vietnam.

  • Radio

    Poesie per Ragazze di Grazia e di Fuoco: intervista ai traduttori italiani

    E’ uscito da pochi giorni un libro delizioso che racchiude poesie scritte da diverse autrici americane, in grado di rappresentare un periodo così bello e complicato come l’adolescenza.

    Il “coraggio” è il filo conduttore di “Poesie per Ragazze di Grazia e di Fuoco” di Karen Finneyfrock, Rachel McKibbens e Mindy Nettifee, in libreria da pochi giorni per Rizzoli e tradotti per l’Italia da Eugenia Galli e Tommaso Galvani.

  • Radio

    Seguimi con gli occhi: intervista a Nadia Galliano

    E’ possibile nel 2018 essersi dimenticati di una malattia tanto crudele ed efferata come l’AIDS? Chi è nato prima o durante gli anni ’80 ricorderà perfettamente un film che aveva colpito tutti, “Philadelphia”, grazie alla magistrale, toccante, struggente interpretazione di Tom Hanks nei panni dell’avvocato Andrew.

    Da allora l’opinione pubblica si è via via scordata del virus HIV, favorita anche dalle maggiori cure possibili e dal minor tasso di morte. Ma una malattia non scompare solo perché la si ignora. La dottoressa Nadia Galliano, che di questi temi si interessa da anni, che ha deciso di scrivere “Seguimi con gli occhi” (bookabook) proprio per far tornare l’attenzione su questo tema e, soprattutto, farlo conoscere ad un pubblico di giovani, target cui si rivolge questo libro.

  • Radio

    Una Ragazza Affidabile: intervista ad Silena Santoni

    Si intitola “Una ragazza affidabile” ed è il sorprendente esordio di Silena Santoni che ha appena pubblicato il suo primo romanzo con Giunti Editore. Domani, martedì 15 maggio alle ore 18.30 sarà presentato il suo libro presso la Libreria Ulisse (Via degli Orti, 8/A) di Bologna. Relatrice della presentazione, la scrittrice Grazia Verasani.

    Appena finito di leggere il libro, ho colto l’occasione per intervistare l’autrice che sarà nella città felsinea domani pomeriggio.

    Due sorelle tanto diverse quanto misteriose si ritrovato a causa di un’eredità, ma il loro incontro sarà l’occasione per fare un bilancio delle loro vite e dimostrare come il caso e l’imprevedibilità facciano parte della vita di tutti.

    Vi ho incuriosito? Ecco l’intervista realizzata per Ciao Radio.

  • Radio

    La bambina nel buio: intervista ad Antonella Boralevi

    Mercoledì 9 maggio alle 18.00 sarà presentato alla Feltrinelli di Piazza Ravegnana (Bologna) il nuovo romanzo di Antonella Boralevi “La bambina nel buio” (Baldini+Castoldi). Intervengono Ippolito Bevilacqua Ariosti, Stefano Bonaga, Andrea Maioli.

    Questo incontro è stato l’occasione per parlare con la scrittrice a proposito del suo primo thriller.

    Ecco l’intervista (in audio), realizzata per Ciao Radio.

  • Radio

    Storia di Cento Occhi: intervista a Stefano Tevini

    Scrivere una storia distopica significa immaginare un futuro dove i difetti del mondo sono esasperati, fino a creare una realtà in cui nessuno di noi vorrebbe mai trovarsi.

    Uno dei temi caldi di questa rivoluzione tecnologica in cui siamo pienamente immersi è quello dell’eccesso di immersione, che in “Storia di Cento Occhi” si realizza in A.R.G.O., un’entità che controlla la città e che una volta era umano ma ora solo un cervello disincarnato all’interno di una rete di microfoni e telecamere.

    Ma A.R.G.O. è solo un esperimento? E’ una macchina? O ancora qualcosa di umano lo conserva? E qual’è il suo rapporto col misterioso scrittore Stefano?

    Ne parlo in questa intervista a Stefano Tevini, autore di “Storia di Cento Occhi” (Safarà Editore) su Ciao Radio.

  • Radio

    Il profumo del mosto e dei ricordi: intervista ad Alessia Coppola

    E’ uscito proprio oggi “Il profumo del mosto e dei ricordi” (Newton Compton), il nuovo libro di Alessia Coppola, che ho già avuto il piacere di intervistare per Il Filo Rosso.

    Legami famigliari, ritorno alle proprio origini, scoperta delle radici, i veri affetti della vita. Sono questi i temi fondamentali di un romanzo che usa l’eredità come espediente che consente alla protagonista di scoprire un passato che non avrebbe mai immaginato ma che può diventare il suo presente.

    Un romanzo dolce, dai toni fiabeschi che affronta, di contro, temi importantissimi, che svela al lettore quanto sia importante tornare alle cose vere della vita. Spunti di riflessione di cui ho parlato insieme all’autrice, Alessia Coppola, con la quale abbiamo parlato proprio del suo romanzo in uscita oggi.

  • Radio

    D’amore e Baccalà: intervista ad Alessio Romano

    Inizia a Bologna il tour di presentazioni del romanzo D’amore e baccalà di Alessio Romano, in libreria da oggi, 22 marzo per EDT, nella collana Allacarta  – Ogni viaggio una storia, ogni storia un piatto.

    Protagonista di questo libro è Lisbona, una tra le più poetiche capitali europee, città di Pessoa e di Tabucchi, che in questo momento vive un capitolo d’oro della sua vita a cavallo fra tradizione e modernità.

    Alessio Romano ce la racconta attraverso il cibo, il senso del gusto, i suoi luoghi più caratteristici, il fado, i riferimenti alla letteratura e un buon pizzico di storia d’amore.

    L’appuntamento è per venerdì 23 marzo alla Libreria Confraternita dell’Uva, Via Cartoleria 20/B a Bologna nell’intervista andata in onda su Ciao Radio.

    Per l’occasione ho avuto la possibilità di intervistare Alessio Romano. Ecco cosa mi ha raccontato sul suo libro.

  • Radio

    [Film] La terra buona: intervista a Orfeo Orlando

    Quattro anni fa ebbi modo di assistere alla proiezione di un film che mi colpì in modi molto diversi e per tanti motivi: un film indipendente, completamente autofinanziato con il crowdfunding ma, soprattutto, bellissimo. Il film si intitolava “E fu sera, e fu mattina” del giovane produttore e regista Emanuele Caruso. Già allora anticipò questo progetto, “La Terra Buona”, dalle premesse davvero intriganti.