E’ appena uscito in libreria l’ultimo lavoro dell’autrice bestseller del New York Times, Catherynne M.Valente, “Space Opera” uscito in Italia per 21Lettere.

Il libro è uscito negli USA nel 2018 e l’anno successivo è arrivato tra i 5 finalisti degli Hugo Award – uno dei premi più prestigiosi per i lavori fantasy e sci-fi, assegnati nel corso del tempo ad autori come Isaac Asimov, Ursula Le Guin e Neil Gaiman, solo per citarne alcuni.

“Space Opera” è stato affiancato a precursori del genere come Douglas Adams e Terry Pratchett ma conserva una sua propria anima e originalità pur inquadrandosi in un filone insieme a loro.

I diritti cinematografici di questo libro sono stati acquisiti da Universal Pictures, che ha affidato la produzione al regista di Jurassic Park Colin Trevorrow. Il seguito di “Space Opera” è attualmente in lavorazione.

Per parlare del libro e della sua scrittura ho avuto il piacere di intervistare l’autrice alla quale ho rivolto davvero tante domande e che ringrazio per la pazienza e per la voglia di raccontare: dalla sua genesi davvero curiosa (un tweet di un fan) alla sua ispirazione (l’Eurovision Son Contest), dal grande amore per la musica (al centro di Space Opera) fino al suo affetto per il nostro paese (Catherynne ha origini italo-americane).

Ecco i dati sul libro e l’intervista (ah, non perdetevela perché ha una voce bellissima!).

Eurovision Song Contest

IL LIBRO

Dopo una feroce guerra interstellare combattuta per difendere il proprio diritto alla senzienza, le specie dell’universo scelgono un modo pacifico con cui stabilirla: un concorso canoro. Solo chi non arriverà ultimo nella corsa al Gran Premio Metagalattico potrà continuare a esistere. Anche la Terra è in gara, e la Grande Alleanza Galattica si affretta a scegliere la band che possa rappresentare gli umani al concorso. Sfortunatamente, gli unici candidati disponibili sono due membri della band Decibel Jones and the Absolute Zeros, un gruppo glam-rock ormai sciolto da anni.
Riusciranno i due a sopravvivere alla dura competizione e a stupire i giudici, garantendo la sopravvivenza dell’umanità?

Titolo: Space Opera
Autore: Catherynne M.Valente
Traduttore: Alice Zanzottera
Editore: 21lettere
Pagine: 376
Prezzo: 18,00 cartaceo (QUI su Amazon)
Data di uscita: 13 febbraio 2020

L’INTERVISTA

  • Space Opera nasce come una sfida con un lettore: puoi raccontarci com’è andata?

  • La musica è al centro del tuo libro, è considerata la cosa più importante (il futuro di ogni pianeta dipende da lei): cosa pensi della musica e perché hai deciso di mettere proprio lei al centro?

  • Un altro elemento importante nel tuo libro è l’ironia, anche attraverso il paradosso e il cinismo. Daniel Pennac scriveva “una risata ci salverà”, qualcuno l’ha cambiata in “una risata ci seppellirà”. Tu cosa ne pensi?

  • Il tuo può essere definito – letteralmente – un libro-universo: da dove hai avuto l’ispirazione per dare vita tutte queste diverse creature?

  • La vera sfida in “Space Opera” è quella di stabilire se il mondo è senziente (il che non è esattamente scontato) e quindi meritevole di sopravvivere, altrimenti viene distrutto. Affidare il destino della Terra a Decibel Jones e gli Absolute Zero non sembra la scelta migliore. Cosa puoi dirci di loro?

  • La fantascienza è anche un modo originale di analizzare il nostro mondo. In particolare in questo libro hai svelato i topos del genere creando una storia molto curiosa attraverso il tuo particolare stile di scrittura. È stata una scelta consapevole o hai semplicemente trovato il modo migliore per raccontare una storia?

  • Il tuo libro è stato avvicinato ad autori come Douglas Adams e Terry Pratchett: cosa ne pensi?

  • Abbiamo sentito che stai lavorando ad un sequel: puoi dirci qualcosa in proposito? Siamo davvero curiosi!

  • Infine, vuoi mandare un messaggio ai tuoi fan italiani?

L’AUTRICE

Catherynne M. Valente è tra le più importanti autrici di science fiction americana ed è annoverata tra i bestselling author del New York Times. Ha vinto i maggiori premi dedicati alla narrativa fantascientifica come il James Tiptree Award, l’Andre Norton Award e il Mythopoeic Fantasy Award. In Italia sono stati pubblicati La bambina che per salvare la magia del mondo e La bambina che fece il giro di Fairyland per salvare la fantasia (Sperling e Kupfer). Catherynne vive su un’isola al largo della costa del Maine, circondata da animali, alcuni dei quali, dice lei, umani.