Radio

Quasi Tre: intervista a Tommaso Avati

E’ in libreria il nuovo romanzo di Tommaso Avati dal titolo “Quasi Tre” (Fabbri Editore), un romanzo forte e ironico allo stesso tempo, che parla di famiglia e tratta temi universali.

Per parlarne, ho avuto il piacere di intervistare l’autore.

L’intervista

Il Libro

Raffaele e Benedetta, undici anni di matrimonio, zero figli, due adorabili maialini d’appartamento da chiamare “bambini”. Due voci, l’una il controcanto dell’altra, che si rincorrono e ci raccontano la loro storia: lei segretaria in un’agenzia romana per lo spettacolo e appassionata di cucina, lui sceneggiatore mancato riciclatosi insegnante, figlio d’arte in attesa perenne di sfondare nel mondo del cinema. Un rapporto ormai cristallizzato in una routine distratta, il loro, eroso dall’abitudine e dalla delusione di non essere riusciti a fare della propria esistenza qualcosa di cui andare fieri. Poi accade l’impensabile. A quarantasei anni, quando già comincia a pensare alla menopausa, Benedetta rimane incinta: il caso, con grande ironia, inizia a giocare con Lele e Benny, concedendo loro un’altra possibilità, l’occasione per riprendere il controllo del loro matrimonio e delle loro vite. Ma a volte non c’è niente di meglio di un “secondo tempo” per rimescolare le carte di una vita intera: tra genitori disfunzionali e colleghi sull’orlo di una crisi di nervi, Lele e Benedetta vengono risucchiati in un turbine di incomprensioni, aspettative malriposte e disavventure esilaranti, dove la posta in gioco è un amore dolceamaro, quasi acido. Insomma, un amore normale.

Titolo: Quasi Tre
Autore: Tommaso Avati
Editore: Fabbri Editore
Pagine: 237
Prezzo: 16,000 cartaceo (13,60 su Amazon) – 9,99 ebook
Data di uscita: 02 ottobre 2018

L’autore

Tommaso Avati (Bologna 1969) si è laureato in Comunicazione con una tesi sui racconti di Raymond Carver e il cinema di Robert Altman. 

Ha collaborato a sceneggiature e soggetti come La prima volta di Massimo Martella e Quell’estate di Guendalina Zampagni e alla stesura di diversi film tv come Un matrimonio, Il bambino cattivo, Con il sole negli occhi, Le nozze di Laura.

Ha scritto insieme al padre il soggetto per il film Il ragazzo d’oro che ha vinto il premio per migliore sceneggiatura al festival di Montreal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *